Glaucoma - Andrea Panelli Oculista
l glaucoma è una malattia oculare che, nella maggior parte dei casi, è causata da un continuo aumento di pressione all’interno dell’occhio. Si manifesta con la perdita del campo visivo e con alterazioni della papilla, che non è la pupilla ma bensì l’origine del nervo ottico. Il glaucoma porta, nel tempo, ad una graduale distruzione del nervo ottico e una perdita progressiva della vista. Esistono due forme di glaucoma: il glaucoma cronico semplice e il glaucoma acuto.
Glaucoma, pressione oculare, vista, malattia della vista, nervo ottico, glaucoma semplice, glaucoma acuto
761
page-template-default,page,page-id-761,bridge-core-1.0.4,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-theme-ver-18.0.9,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Glaucoma

Il glaucoma è una malattia oculare che, nella maggior parte dei casi, è causata da un continuo aumento di pressione all’interno dell’occhio. Si manifesta con la perdita del campo visivo e con alterazioni della papilla, che non è la pupilla ma bensì l’origine del nervo ottico.
Il glaucoma porta, nel tempo, ad una graduale distruzione del nervo ottico e una perdita progressiva della vista.
Esistono due forme di glaucoma: il glaucoma cronico semplice e il glaucoma acuto.

Glaucoma cronico semplice (ad angolo aperto)
È la tipologia più comune ed è provocato dall’aumento della pressione oculare. Il glaucoma cronico ha un’evoluzione molto lenta e, allo stadio iniziale, non ha sintomi particolari. Ti ruba la vista senza che tu te ne accorga: per questo motivo viene chiamato “il ladro silenzioso della vista”.

Glaucoma acuto (ad angolo chiuso)
L’attacco acuto appare improvvisamente e si manifesta dolore forte, occhio rosso e infiammato, vista molto abbassata e annebbiata. È spesso associato a mal di testa, nausea e vomito.

La prevenzione del glaucoma si può e si deve fare: entrambe le forme sono curabili e possono essere tenute sotto controllo. Una visita oculistica completa e l’esame del campo visivo (perimetria) sono sufficienti per diagnosticare il glaucoma in fase iniziale.
È opportuno ripetere la visita oculistica a intervalli regolari, almeno una volta l’anno, specie in presenza di fattori di rischio:
età superiore ai 40 anni: il glaucoma è una malattia oculare dell’adulto che può aumentare con l’avanzare dell’età;
– pressione all’interno dell’occhio superiore al normale (ipertensione oculare);
precedenti familiari: uno o più casi tra parenti stretti;
miopia elevata;
diabete.

Il glaucoma si cura con varie terapie, che devono essere stabilite caso per caso dall’oculista. La terapia medica è basata spesso sull’uso di colliri che servono ad abbassare la pressione oculare. In casi particolari si pratica la laserterapia, con l’utilizzo di YAG laser, argon laser e laser a diodi. Si ricorre alla chirurgia quando la terapia con i farmaci e il trattamento laser non sono più in grado di garantire la pressione oculare ottimale.